LAGO SMERALDO – Fondo – VAL DI NON

Dai una valutazione a questo laghetto:

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)

Loading...

Nell'alta Val di Non, a metà strada tra Trento e Bolzano, vi è un lago col nome di una pietra preziosa il lago Smeraldo. Un vero e proprio gioiello naturalistico che affascinerebbe chiunque. Trattasi di un meraviglioso laghetto artificiale, incastonato in un contesto naturale a mille metri d'altitudine, dalle acque limpide offre una spiaggetta per chi vuole rilassarsi al sole o rinfrescarsi nelle calde giornate estive. Il lago Smeraldo, si trova a Fondo a nord della valle di Non a m.1001 ed ha una superficie di 10 mila metri quadrati. E’ un bacino artificiale che, inserito nell’ambiente alpino della zona, ne aumenta il fascino e la bellezza; realizzato in tempi recenti (1964) sbarrando il corso del Rio Fondo, il lago è diventato l’orgoglio della comunità.

Al lago si può tranquillamente arrivare in macchina ma particolarmente suggestivo è raggiungere il lago a piedi dall’abitato di Fondo. La stretta valle dei Molini o passeggiata del Burrone, è uno strettissimo orrido lungo 300 metri e profondo 60, che collega il centro paese (dalla chiesa parrocchiale) al lago. E’ uno spettacolare orrido inciso dal rio Sass con concrezioni, marmitte dei giganti e fossili. Il sentiero ricavato nella roccia e attrezzato con comode passerelle è anche illuminato nelle ore notturne.

Dal paese di Fondo si attraversa la piazza di San Giovanni e si arriva alla chiesa con il suo particolare campanile a cipolla. Qui sulla destra, sotto la chiesa, si scende da una piccola mulattiera dove si trova su una casetta con ben visibile l’indicazione per il lago. Questo tratto di strada delimitata da un muretto regala un bellissimo scorcio sul paese, i suoi tetti e il verde tra le case. Dopo questo breve tratto attraversiamo un ponticello e entriamo nell’atmosfera fiabesca del canyon ricco di vegetazione. L’acqua del Rio Sass scorre parallela al sentiero. Guardando verso l’alto si vede il ponte romano che unisce i due estremi della roccia del burrone. Proseguendo incontriamo il vecchio mulino con le sue pale ancora in funzione che si appoggia ad una parete dell’orrido. Più avanti un piccolo spazio ci permette di fare una breve sosta sulle panchine e i tavoli da pick nik e di goderci l’aria fresca della vallata.  Ci incamminiamo di nuovo sul sentiero che diventa una passerella di scale in ferro.  Il rumore della cascata e le pareti dell’orrido sempre più strette, creano un ambiente unico e suggestivo prima di giungere al laghetto.

Percorso ha una lunghezza di 2 km percorribile in 30 minuti non adatto a passeggini e biciclette per la presenza delle scale. E’ una passeggiata piacevole particolarmente amata dai bimbi per le numerose attività ludiche e per il paesaggio fiabesco.

Numerose attività sono presenti vicino al lago. Quella più interessante è la visita guidata al Canyon Rio Sass. Nel cuore del paese di Fondo si sviluppa l’orrido creato dal torrente “Rio Sass” attraverso l’erosione della roccia. Oltre ai vari fenomeni creati nella roccia attraverso il movimento dell’acqua, tra il susseguirsi di curve e controcurve, è suggestivo notare la presenza anche di una flora di alghe rosse e verdi, muschi e felci.

Clicca sulla Mappa per ingrandirla

COME ARRIVARE : calcola il viaggio per arrivare in treno, in macchina o in bicicletta.

La direttrice principale per raggiungere il laghetto è l'autostrada del Brennero direzione Bolzano.
L'uscita è trento nord prendi poi la SS235 che diventa SS43 fino a Dermulo, al bivio imbocchiamo la destra sulla SS43dir in direzione Fondo. Tempo di percorrenza da Trento nord 55 minuti.

Con Trenitalia

Possiamo raggiungere direttamente da Milano la stazione ferroviaria di Mezzocorna dove troviamo la coincidenza con l'autobus Trentino trasporti o il trenino ( in base alla fascia oraria di arrivo) che con alcuni cambi in circa 1 ora e mezza ci porterà al paese di Fondo. Maggiori informazioni qui.

L'intera area è Bike friendly con percorsi di diversi gradi di difficoltà adatti a tutta la famiglia. Moltissimi sono i sentieri e le mulattiere che partono dal laghetto e dal paese di Fondo. Mappe dettagliate vi verranno consegnate alla proloco dove è possibile anche il noleggio di biciclette oppure possiamo rivolgerci direttamente al punto di noleggio l'Emporio del Ciclo.

Troviamo alcuni punti di ristoro sul lago.

Il primo affaccia direttamente sulle sponde del laghetto L'hotel ristorante lago Smeraldo a conduzione familiare con una meravigliosa spa di recente costruzione.

Sulla sponda opposta, troviamo il ristorante pizzeria Folon dove possiamo degustare l'ottima cucina tirolese in un ambiente stile baita alpina.

Le altre strutture limitrofe al lago, sono il B&B Molin dei Maghi, l'hotel Milano e al Canyon B&B. Altre strutture ricettive nel paese di Fondo sono consultabili QUI.

Il laghetto si trova ad un altitudine di 1000 metri sul livello del mare. Il dislivello della passeggiata descritta è pressochè pianeggiante solo l'ultimo tratto presenta una gradinata ma i gradini in acciaio non ci faranno faticare troppo.

Oltre alla passeggiata da Fondo al Lago, altre comode passeggiate sono quelle che, partendo dal lago, conducono sul doss di Sedruna (20 minuti) alla Madonna Brusada (20 minuti), o all’Orto Botanico – posto di straordinaria bellezza ove si ammira il panorama dall’alto (20 minuti).

Vale veramente la pena proseguire per Doss di Sedruna una passeggiata pressochè pianeggiante fruibile anche con biciclette e passeggini. Il sentiero risale tutto il vallone del lago fino ad arrivare alla parete di arrampicata dove vi è un lieve dislivello di 70 metri e si imbocca sulla destra la passeggiata Sedruna.

Escursioni impegnative sono invece quelle lungo il sentiero n. 517 per le regole di Malosco e quindi il lago di Tret(2,30 ore e 550 m. di dislivello); oppure al monte Macaion lungo il sentiero n. 513 (2,30 ore e 870 m. di dislivello).

Troviamo il "Camping Park Baita village" attrezzato nel paese vicino di Sarnonico.

Il parcheggio camper si trova nei pressi dell'albergo Smeraldo, a pochi metri dall'omonimo lago. E' un parcheggio per auto ma chiedendo ai proprietari è consentita la sosta anche ai camper, anche notturna, gratuita.

Il lago Smeraldo è gestito dall'Associazione Pescatori Val di Non. Per pescare occorre essere in possesso del tesseramento annuale soci Associazione Pescatori Val di Non (valido dal lunedì al venerdì) o permesso giornaliero dal costo di 16€ (anche senza licenza di tipo B). La pesca apre il 1° maggio e chiude a fine ottobre (ottobre si pesca solo dal venerdì alla domenica). Si possono impiegare sia le esche naturali come camole o lombrichi, sia le esche artificiali come pastella, cucchiaini, ondulanti, rapala, esche gommate. La pasturazione non è consentita, ed è anche vietato l'impiego del bigattino, anche solo come esca. Si possono catturare fino a 5 trote al giorno, con misura minima di 20 centimetri per la trota iridea e 22 centimetri per la trota fario. Maggiori informazioni QUI.

GOOGLE MAPS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Multilanguage »