LAGO DI SANTA MARIA TRET – Tret – VAL DI NON

Dai una valutazione a questo laghetto:

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)

Loading...

Il Lago di Tret oppure di Santa Maria si trova nelle Alpi della Val di Non, nel punto dove l’Alto Adige e il Trentino si congiungono.

Il piccolo e romantico laghetto si trova a m. 1610 è un lago artificiale e si trova nei pressi dell’abitato di Tret (frazione di Fondo) nella parte nord orientale della valle ed è meta di escursione in tutti i periodi dell’anno.

Lungo il sentiero attorno il lago dei cartelloni informativi ci spiegano interessanti dettagli della flora e fauna di quest’area paludosa.

Il lago, profondo 3-4 metri, e la sua isoletta nel mezzo, sono sotto tutela naturale. Il biotopo possiede una gran varietà di piante acquatiche, mentre pesci come la tinca, libellule, anfibi, farfalle e bombi popolano le acque ed i dintorni.

VISTA DALL’ALTO

Questo territorio è ricco di tradizioni infatti alle prime ore dell’alba, tutti i giorni dell’anno, qualsiasi sia la temperatura esterna, un gruppo di valligiani sale di corsa al lago per un bagno energizzante prima di affrontare le fatiche della giornata. Durante l’inverno, quando il lago è coperto da uno spesso strato di ghiaccio, questi avventurosi praticano un foro e si immergono ugualmente.

Abbiamo due sentieri per raggiungere il lago, con una passeggiata di un’ora o poco più da entrambi i parcheggi. Il primo punto di partenza è il parcheggio Klammeben al di sopra di San Felice, a pochi minuti di distanza dalla strada del Passo Palade. Per raggiungere il lago percorriamo la via più breve, che in 45 minuti sul sentiero CAI 9 ci porterà alla nostra meta. Il nostro sentiero si sviluppa attraverso i boschi dove possiamo ammirare diversi campi fioriti e numerose farfalle.

Raggiunto il lago continuiamo fino al ristorante Waldruhe, conosciuto per il suo ottimo Kaiserschmarrn, piatto tipico regionale, che non abbiamo nessuna intenzione di perderci. Proseguiamo quindi attorno al bellissimo lago. Pesci, libellule, piante acquatiche e un’isoletta al centro, rendono il Lago di Tret uno dei più bei laghetti naturali dell’Alto Adige. Nel lago è possibile sia pescare che nuotare.

Per allungare la strada per San Felice percorriamo il sentiero per la Malga San Felice (Felixer Alm)sul CAI 9b. Dopo circa un’ora di cammino abbiamo raggiunto il nostro punto di partenza portandoci a casa il ricordo di una natura quasi incontaminata, di un meraviglioso paesaggio alpino e di uno spettacolare laghetto naturale.

In inverno questo itinerario diventa molto suggestivo, anche perché la strada forestale che parte dal parcheggio del paese di San Felice diventa una meravigliosa pista da slittino. Ricordiamoci però che non noleggiano le slitte nei dintorni. Le dovremo quindi portare da casa.

Il secondo punto di accesso al laghetto è dal rifugio Scoiattolo, in località “Le Plaze di Tret”, deviando dalla statale verso il Passo Palade all’altezza dell’albergo “le Ciaspole”.
Lasciata la macchina nel comodo parcheggio si deve poi proseguire a piedi lungo il sentiero CAI 512; ad un certo punto troviamo un bivio se proseguiamo diritti sul CAI 512 accorceremo notevolmente la passeggiata ed in una ventina di minuti giungeremo al lago. Se invece vogliamo concederci una camminata un po più lunga, possiamo deviare a destra sul CAI 57 sfiorando la punta Crozze per poi ripiegare sul lago con il CAI 511 che incontreremo al successivo bivio a sinistra. Possiamo poi rientrare dal CAI 9 scendendo al parcheggio Klammeben dove parte il sentiero 57/59 a destra che con una gradevole piana in mezzo a prati e boschi ci riporta al rifugio Scoiattolo il nostro punto di partenza. Il dislivello di questa prolungata passeggiata è di 350 metri con all’incirca un’ora di cammino.

Clicca sulla Mappa per ingrandirla

COME ARRIVARE : calcola il viaggio per arrivare in treno, in macchina o in bicicletta.

La direttrice principale per raggiungere il laghetto è l'autostrada del Brennero direzione Bolzano.
L'uscita è trento nord prendi poi la SS235 che diventa SS43 fino a Dermulo, al bivio imbocchiamo la destra sulla SS43dir in direzione Fondo. Imboccheremo per ultima la SS238 Tempo di percorrenza da Trento nord 65 minuti.

Con Trenitalia

Possiamo raggiungere direttamente da Milano la stazione ferroviaria di Mezzocorna dove troviamo la coincidenza con l'autobus Trentino trasporti o il trenino ( in base alla fascia oraria di arrivo) che con alcuni cambi in circa 1 ora e mezza ci porterà al paese di Fondo. Maggiori informazioni qui.

L'intera area è Bike friendly con percorsi di diversi gradi di difficoltà adatti a tutta la famiglia. Moltissimi sono i sentieri e le mulattiere che partono dal laghetto e dal paese di Tret consigliamo il primo percorso descritto molto più semplice e senza particolari impedimenti. il punto di noleggio più vicino è a Fondo "l'Emporio del Ciclo".

Troviamo alcuni punti di ristoro vicino al laghetto.

I più vicini sono il ristorante Waldruhe e il Felixer Alm dove poter degustare l'ottima cucina locale. Prolungando la passeggiata sul CAI 511 raggiungiamo la malga di Fondo dove è possibile pernottare. Il paese di Tret essendo molto piccolo offre poche strutture ricettive e sono:

 

Il laghetto si trova ad un altitudine di 1610 metri sul livello del mare. Il dislivello della passeggiata dal parcheggio di Klammeben al di sopra di San Felice è di circa 257 metri. Il dislivello della passeggiata dal rifugio Scoiattolo è 285 metri.

Sono due i punti di accesso al lago:

  • dal parcheggio Klammeben al di sopra di San Feliceche in 45 minuti sul sentiero CAI 9 ci porterà alla nostra meta. Per allungare la strada per San Felice percorriamo il sentiero per la Malga San Felice (Felixer Alm)sul CAI 9b.
  • dal rifugio Scoiattolo sul sentiero CAI 512; ad un certo punto troviamo un bivio se proseguiamo diritti sul CAI 512 accorceremo la passeggiata ed in una ventina di minuti giungeremo al lago. Se vogliamo concederci una camminata un po più lunga, possiamo deviare a destra sul CAI 57 sfiorando la punta Crozze per poi ripiegare sul lago con il CAI 511 che incontreremo al successivo bivio a sinistra. Possiamo poi rientrare dal CAI 9 scendendo al parcheggio Klammeben dove parte il sentiero 57/59 a destra che con una gradevole piana in mezzo a prati e boschi ci riporta al rifugio Scoiattolo il nostro punto di partenza.

Troviamo il "Camping Park Baita village" attrezzato nel paese vicino di Sarnonico.

Troviamo un semplice parcheggio a Klammeben non attrezzato sopra sopra di San Felice alla partenza del sentiero adatto anche a camper.

Il lago di Tret è gestito dall'Associazione Pescatori Val di Non. Per pescare occorre essere in possesso del tesseramento annuale soci Associazione Pescatori Val di Non (valido dal lunedì al venerdì) o permesso giornaliero dal costo di 16€ (anche senza licenza di tipo B). La pesca apre il 1° maggio e chiude a fine ottobre (ottobre si pesca solo dal venerdì alla domenica). Si possono impiegare sia le esche naturali come camole o lombrichi, sia le esche artificiali come pastella, cucchiaini, ondulanti, rapala, esche gommate. La pasturazione non è consentita, ed è anche vietato l'impiego del bigattino, anche solo come esca. Si possono catturare fino a 5 trote al giorno, con misura minima di 20 centimetri per la trota iridea e 22 centimetri per la trota fario. Maggiori informazioni QUI.

GOOGLE MAPS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Multilanguage »