LAGHI DI LAMAR – Vallene – TRENTO

Dai una valutazione a questo laghetto:

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)

Loading...

Situati proprio sotto al Monte Paganella, i laghi di Lamar, un tempo uniti tra loro, sono stati separati da una frana che ha originato due bacini distinti: il lago Santo a sud e il lago di Lamar a nord. L’intera zona dei due laghi è un punto di partenza per suggestivi itinerari che si snodano sino alla vetta della Paganella.

La nostra passeggiata parte da Monte Terlago, piccola frazione del comune di Terlago a quota 690 m.s.l.m. Camminiamo sul sentiero che inizia da via di Valar in direzione est, raggiungiamo la strada asfaltata “ai Laghi di Lamar”.

VISTA DALL’ALTO

La seguiamo e dopo alcune centinaia di metri imbocchiamo il sentiero tra i boschi che la affianca. Passiamo vicino all’area pic nic “Fogolari” e ci avviciniamo al primo dei laghi, il Lago Santo di Terlago. Il primo specchio d’acqua, dal colore verde smeraldo, circondato dalla vegetazione è reso più bello da un ampio canneto terminale, dai giunchi e dalle ninfee che lo coronano. Proseguiamo dal lato sinistro, su un sentiero immerso nel verde primaverile. Il sentiero, poi, si riavvicina alla strada asfaltata, e 300 metri più a nord raggiungiamo l’altro lago, il Lago di Lamar, le cui acque brillano in tonalità di verde, turchese ed azzurro.

Questo viene incluso in uno spettacolare anfiteatro roccioso separato da un modesto dosso e da un profondo strapiombo dalla Valle dell’Adige. Qui il bosco di faggi, in cui si mescolano di tanto in tanto abeti rossi e bianchi, larici e betulle, si rispecchia nel lago creando in primavera e in autunno un magico effetto riflesso. La vegetazione riparia, per lunga parte delle rive, sporge sull’acqua fornendo rifugio e ombra a molte specie di pesci. Le sue acque verdi sono meta turistica e luogo di relax grazie al prato che invita a fare una pausa, alla possibilità di balneazione e al punto di ristoro “Ai tre Faggi”. Ci si trova immersi all’improvviso in un’ambiente di grande bellezza, fatto di verdi radure e abeti imponenti, di faggi secolari e caprioli al pascolo, con lo sfondo spettacolare delle insospettabili guglie della Paganella.  Per il ritorno, prendiamo un’altra strada. Sulla costa occidentale del lago, alla strada asfaltata segue una forestale che sale verso il bosco con segnavia CAI 681. Camminiamo sempre in direzione nord, fino al bivio dove saliamo sul sentiero in direzione ovest. Ci troviamo direttamente sotto le cime della Paganella. Il sentiero si restringe a mulattiera, fino a quasi perdersi tra il bosco. Siamo sopra quota 900 m, e proseguiamo il sentiero CAI 682 in direzione sud. Il bosco fa spazio a prati e pascoli, ed il sentiero si allarga di nuovo a forestale. Questa ci riporta comodamente al paese di Monte Terlago.

Clicca sulla Mappa per ingrandirla

COME ARRIVARE : calcola il viaggio per arrivare in treno, in macchina o in bicicletta.

Raggiungiamo i laghetti dall'autostrada del Brennero con uscita Trento Centro. Imbocchiamo quindi la SS 45 bis. Superiamo loc. Cadine e svoltiamo a destra sulla SP18 dir in direzione Monte Terlago. Tempi di percorrenza da Trento, 20 minuti circa.

Dalla stazione dei treni di Trento, (consulta gli orari FS qui) troviamo la coincidenza con le linee autobus "Trentino Trasporti" che ci porta con la linea 1 in 50 minuti a Monte Terlago. Orari disponibili QUI.

L'intera area è Bike friendly ed il percorso che costeggia i due laghi è facilmente percorribile grazie al sentiero ampio e battuto.

Il noleggio più vicino è al campeggio "laghi di Lamar" a Vallene sul percorso che abbiamo descritto.

 

Sono tre i punti di ristoro presenti sui percorsi vicino ai laghetti dalla partenza della passeggiata, in ordine, troviamo:

 

I laghetti si trovano ad un altezza di 750 metri sul livello del mare

con un dislivello del percorso consigliato complessivo di 370 metri.

Troviamo molti sentieri che costeggiano i laghetti e si intrecciano tra di loro. Consigliamo di perdersi tra questi percorsi, comodi cartelli ci ricundurranno comunque a destinazione.

Il percorso da noi consigliato ha una lunghezza di 9 km e un tempo di percorrenza di circa tre ore e trenta. Adatto a tutta la famiglia o e ad eventuali passeggini fino al lago Lamar. Se si prosegue sul CAI 681/682 il sentiero si stringe e diventa leggermente più tortuoso poco adatto quindi a passeggini.

Altre passeggiate partono dalle sponde dei laghi e ci danno la possibilità di percorrere suggestivi itinerari che si snodano sino alla vetta della Paganella.

Troveremo comodi cartelli che ci indicheranno i tempi e le mete di tutti i sentieri CAI.

 

Non è possibile campeggiare su tutto il percorso laghi. Il campeggio attrezzato più vicino lo troviamo alla partenza della passeggiata a Vallene il "Camping Laghi di Lamar".

Possiamo posteggiare i camper nel parcheggio su ghiaia in piano immerso nel verde tra i due laghi. Gratuito e tranquillo senza particolari restrizioni.

Nelle cristalline acque dei laghetti, prevalgono il Triotto, la Scardola, il pesce persico, il Luccio e l’Anguilla. Nel Lago della Mar, oltre a questi si trovano grosse carpe e numerose tinche, insieme ad alborelle e cavedani. Per l'acquisto dei permessi di pesca, ci si rivolge al bar sul lago Lamar il "bar ai 3 Faggi"  oppure on-line QUI.

Le acque del lago sono balneabili e navigabili portano refrigerio nelle calde estati. Troviamo il servizio assistenza alla balneazione e parecchi giochi d'acqua sulle sue sponde con corde e trampolini naturali per il tuffi.

WEB CAM più vicina

GOOGLE MAPS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Multilanguage »